Confessioni di un commesso di telefonia (Buone Feste)

Tutti siamo stati, siamo e saremo consumatori.

Chi più chi meno, anche io.

Ma avete mai provato a mettervi dall’altra parte? A vedere le persone nei negozi con gli occhi del commesso?

Io, mio malgrado, faccio questo mestiere da anni.

In questi anni (sono già sette..) ho visto cambiare il mio lavoro, ed ho visto cambiare le persone. O meglio dovrei dire l’animale consumatore.

Già perché le persone quando entrano in un negozio non sono mica più persone. Diventano bestie. Affamate, senza logica, senza contegno. Anzi non diventano bestie, peggio, diventano umani.

Camminano. Alcuni veloci come gazzelle, altri invece barcollano come ubriachi senza meta.

Dimenticano l’educazione all’ingresso. Perché dai, voglio pensare che almeno fuori dal negozio, almeno alcuni, un minimo di educazione in più ce l’abbiano.

Non salutano. Quasi mai. E se tu li saluti, “Buongiorno!”, la loro risposta non arriva, o se arriva è qualcosa come “Mi serve…” o “senta un po’..

Io ci sento, ci sento benissimo, e sentirmi dire “senta un po’” mi fa incazzare tantissimo. Vorrei sentire un saluto ogni tanto, o un grazie, ma evidentemente pretendo troppo.

Continua a leggere Confessioni di un commesso di telefonia (Buone Feste)

Anno nuovo tema nuovo

Twenty-fifteenNon ho saputo resistere, il nuovo tema 2015 di WordPress é bellissimo!

Minimalista, pulito, come piace a me. E in più rispetto al vecchio tema i caratteri sono un po’ più grandi e c’è più spazio per i contenuti.

Lo usa anche John Saddington, che è uno che ne sa a pacchi.

Potete trovare la demo del tema qui.

Di solito i temi “base” non mi convincono molto (ahimè, per ora non posso permettermi temi premium), ma questo nuovo Twenty Fifteen è proprio bello.

Complimenti al team di WordPress!

Noizio, una applicazione rumorosa

Noizio è una piccola app per OS X che potete scaricare gratuitamente dall’App Store.

B0dwqpDCEAIaz_7.png-largeSI posiziona nella barra dei menu e vi permette di scegliere tra 8 suoni diversi che possono essere anche “mixati” tra loro regolandone i singoli volumi. Così potrete concentrarvi sul lavoro che state facendo ascoltando il rumore del mare o il brusio di un bar.

Ovviamente è consigliato usare un paio di cuffie..

Che dire, è gratis ed è anche carina!

A presto!

Ho quasi una casa (aggiornamenti sparsi)

Si, dopo più di 60 giorni di fatiche, ho quasi finito di rendere la mia nuova dimora abitabile.

Pavimento della cucina rifatto. Muri e soffitti tutti imbiancati. Una specie di divano, una credenza, un tavolo, quattro sedie, un letto, un comodino, uno specchio…la cucina. Manca solo comprare una lavatrice e un armadio, ma aspetterò il prossimo stipendio. Mille euro al mese Renzi non lo sa, ma non bastano gli 80 euro a renderli sufficienti alla vita.

In camera vorrei fare un angolo per la lettura, con una poltrona e una luce soft.

L’ultimo acquisto è stato un libro di Philip K. Dick, “L’oscuro scrutare”. Non vedo l’ora di avere il tempo di leggerlo!

L’armadio lo prenderò piccolo apposta, perché nessuno ha bisogno di troppi vestiti.

A presto!

Due mesi senza Tv

Sono esattamente due mesi che il mio televisore si è rotto.

tv-rotta

Da allora non l’ho ancora portato a riparare, benché sia ancora in garanzia, semplicemente perché non ne ho sentito l’esigenza.

Non sono mai stato tv-dipendente, ma negli anni passati la guardavo spesso. Ho avuto anche l’abbonamento alla pay tv per un bel po’.

Poi sono passato ad usarla solo per guardare i film attraverso il blu-ray o la chiavetta. Ed è quello che intendo continuare a fare, non appena l’avrò fatta riparare…in fin dei conti l’ho pagata!

Ma in questi due mesi ho capito che la tv é un altra cosa di cui posso fare tranquillamente a meno…

Se vi interessa Joshua Becker ha scritto un articolo interessante sull’argomento. Ad esempio lo sapevate che chi guarda la tv è meno soddisfatto della propria vita, più ansioso e ha più desideri “materiali”? Lo dice il Journal of Economic Psychology!

A volte ritornano

Torno a scrivere sul blog dopo quasi un anno di assenza…

Credo sia doveroso, nei confronti di quei pochi che avevano iniziato a seguirmi, dare qualche spiegazione/aggiornamento.

In questo periodo sono successe un po’ di cose..nel tentativo di riassumere, le due più importanti sono queste:

  • ho subito un grande lutto, mio padre ci ha lasciati a soli 58 anni questo Luglio, dopo mesi di ospedale..
  • ho preso una casa in affitto e andrò a breve ad abitarci, da solo

Del lutto e del dolore non mi sento di parlare in questo contesto. Almeno non ora..

Per quanto riguarda la casa, è un grande passo. La mia vita dovrà essere ancor più votata al minimalismo, un po’ per comodità un po’ per necessità.

Userò questo blog per condividere con chi avrà voglia di seguirmi l’avventura del vivere da solo, in Italia, con 1200 euro al mese. Ci sarà da ridere…!

A presto con altri aggiornamenti e grazie a tutti quelli che, nonostante la mia lunga assenza, torneranno a leggermi!